Laminite – Cause e prevenzione

laminite cause prevenzione closeup zoccoli harrison horse care blog

In questo primo articolo Sharon Smith, specialista del comportamento equino, discute le cause comuni della laminite , una condizione complessa e spesso fraintesa.

Sharon Smith MSc BHSAP, Comportamentista e Consulente Accreditata

laminite cause prevenzione closeup zoccoli harrison horse care blog

Sentirai parlare di laminite prima di quanto pensi

La complessità di questa condizione potenzialmente paralizzante si riflette nella varietà delle sue definizioni:


…una grave forma di zoppia nei cavalli caratterizzata da uno zoccolo caldo e doloroso, con impulsi di rimbalzo che si sentono nelle arterie digitali…

Università di Liverpool

….danneggiamento o guasto delle lamelle…

thelaminitissite.org

…una malattia associata all’ischemia [insufficienza di sangue] dei tessuti dermici digitali, non è principalmente una malattia infiammatoria ; quindi laminite è un termine improprio …

laminitis.org
laminite cause prevenzione

La prima definizione suggerisce un eccesso di sangue e segni clinici di infiammazione. La terza definizione invece parla di una scarsità di sangue, con meno enfasi sull’infiammazione. La realtà è che ognuna di queste definizioni è corretta – il che crea ancora più confusione!

Negli ultimi anni, la laminite è stata un’area di ricerca in rapido sviluppo e ricca di nuove intuizioni. Tuttavia, “danno alle lamine” è una definizione e una diagnosi clinica costante e sempre presente. Partiremo analizzando la zampa del cavallo, e approfondiremo le cause di questo danno.

Molti proprietari credono che il fettone, la suola e la parete dello zoccolo siano gli unici a distribuire il peso del cavallo. In realtà, la pressione sotto la terza falange attutisce il carico, per cui fettone e suola non sono strutture portanti primarie [1]. Invece, il peso viene trasferito dalla terza falange, attraverso i tessuti molli, alla parte inferiore della parete dello zoccolo. Uno speciale adattamento all’interno di questa parete aiuta a sopportare l’enorme peso. Ci sono centinaia di sottili piastre che crescono nello zoccolo che somigliano alla parte inferiore di un fungo. Queste piastre aumentano notevolmente la superficie disponibile per il fissaggio dei tessuti molli [2]. Per chiarezza, chiamerò le piastre dello zoccolo duro “lamelle” e le pieghe dei tessuti molli interbloccati “lamine”. L’importantissima “super-colla” tra le lamine e le lamelle è chiamata “membrana basale”.

L’importanza del sangue

La membrana basale e il tessuto molle delle lamine sono cellule viventi, e hanno bisogno di un costante apporto di sangue.  Il sangue contiene:

globuli rossi che

  • trasportano l’ossigeno e l’anidride carbonica
  • globuli bianchi (o leucociti) che aiutano a combattere le infezioni, liberano l’istamina (che scatena l’infiammazione), avvolgono i corpi estranei e aiutano a ‘pulire’ i frammenti di piastrine delle cellule danneggiate. Fermano le perdite causando coaguli (nelle vene) e croste (sulla pelle)
  • plasma, il liquido che trasporta globuli rossi e bianchi e piastrine, ma anche proteine, grassi, sali disciolti, sostanze nutritive e ormoni, batteri, virus e tossine disciolte.
laminite cause prevenzione

Mentre il cavallo cammina, il ciclo di carico e scarico del piede aiuta a pompare il sangue in entrata dalle arterie intorno allo zoccolo attraverso piccoli capillari, per poi risalire la gamba attraverso le vene. Le vene portano via tutti gli scarti generati dalle cellule del piede. Le arterie si dilatano nei cavalli sani per consentire il flusso di una maggiore quantità di sangue, per riparare o proteggere i tessuti. Oltre ad allargarsi, le vene e le arterie si restringono a seconda delle circostanze. Le anastomosi arteriovenose (shunt) sono un collegamento diretto dalle arterie alle vene, che bypassa temporaneamente i piccoli capillari e i tessuti danneggiati.

Gli “shunt” si aprono in risposta all’alta pressione sanguigna per evitare la rottura dei vasi, e svolgono un ruolo nella termo-regolazione. Si pensa che il piede del cavallo abbia tra i  50 e i 500 shunt per centimetro quadrato di zampa viva [3]! Si ritiene che la PPID (Sindrome di Cushing equina), l’insulina elevata e gli alti livelli di cortisolo nel sistema circolatorio (ad es. a causa dello stress cronico), causino il malfunzionamento di questi meccanismi del flusso sanguigno, importanti per la prevenzione, la gestione e il recupero della laminite. Le cellule morte non sono appiccicose.

Piccole quantità di danni alle lamine morbide causeranno cambiamenti strutturali all’interno del piede, che possono portare a una crescita anomala del corno dello zoccolo e a cambiamenti dell’andatura. Se individuato in tempo, questa condizione può essere gestita e superata. Tra le complicazioni che possono portare a danni maggiori troviamo la parziale separazione delle lamine/lamelle, che permette al tendine del flessore digitale di tirare e ruotare l’osso del pedale verso il basso, e la perdita delle sospensioni: le ossa affondano nel piede, contro la suola, con gravi rischi di perforazione.

La distruzione della membrana del basamento (quella tra lamelle e lamine) sembra essere dovuta a una o più delle seguenti cause:

  • forze meccaniche;
  • infiammazione delle lamine
  • crescita/funzione anomala delle cellule.
laminite cause prevenzione

Forze Meccaniche

La rottura delle cellule della membrana basale sono un potenziale rischio per i cavalli in sovrappeso, con gravi carenze alimentari o sottoposti a impatto ripetitivo su superfici dure. Altre cause possono essere un’ infiammazione o un’ anomalia cellulare. Può iniziare con un lieve distacco di lamelle/laminee sotto stress fisico. Le piastrine nel sangue rattoppano il danno, ma intasano anche le minuscole vene che escono dalle lamine, causando una dannosa contropressione, l’attivazione dello shunt, la perdita di sangue dalle lamine e la morte cellulare.

Infiammazione

L’infiammazione è il risultato di cellule tissutali che segnalano la necessità di più sangue nei tessuti per riparare i danni, eliminare le tossine o una minaccia invasiva, come batteri o virus dannosi. Le membrane dei tessuti diventano permeabili, e quindi più deboli, per permettere al plasma e alle cellule del sangue di entrare. Un’infiammazione cronica di basso livello (ad es. a causa della PPID o dello stress) comporta tessuti costantemente più deboli; il sangue arriva prima nella zona del tallone del cavallo [2], le sostanze nutritive aggiuntive utilizzate fanno sì che l’area del tallone cresca più rapidamente della punta della zampa. Il sangue in uscita è libero, quindi le pressioni all’interno dello zoccolo sono stabili e il dolore, se presente, è minimo. Il cavallo è ancora sull’orlo di una laminite completa.

Basterà poco, e l’infiammazione acuta permetterà di far affluire più sangue nelle lamine e di gonfiarsi. La capsula solida dello zoccolo smette di gonfiarsi verso l’esterno, mentre Il gonfiore verso l’interno spingerà la lamina/pedale lontano dal supporto delle lamelle. Le forzature attraverso l’osso del pedale continuano poi a strappare la membrana basale, separando le lamine dalle lamelle. Le piastrine vengono attivate dal danno risultante, limitando la fuoriuscita di sangue anche dal piede. Tutta questa pressione, e l’accumulo di sangue nel piede provoca dolore, uno zoccolo caldo e un battito cardiaco percepibile nella parte posteriore del nodello. Gli “shunt” più in alto si apriranno per compensare l’aumento di pressione, riducendo il sangue al piede, ma finendo per affamare le lamine e la membrana basale, provocandone la morte.

Crescita anomala / funzionamento della membrana basale

Tutto ciò che fa sì che le cellule crescano troppo rapidamente o non crescano nel modo giusto porta a rischi di distacco delle lamine dalle lamelle. Ad esempio, se un cavallo ha una zampa rotta, caricherà costantemente il peso sull’altra per stare in piedi. Un pavimento troppo duro comprimerebbe le arterie contro l’osso del pedale, interrompendo l’afflusso di sangue, e la mancanza di ossigeno e di sostanze nutritive nella zona frontale dello zoccolo, causando la morte cellulare della membrana basale. Un altro esempio è quello in cui alti livelli di insulina danneggiano direttamente la membrana su tutto lo zoccolo, senza causare un’infiammazione iniziale [4]. L’insulina può innescare fattori di crescita nella membrana basale [3], allungando la lamella/laminae dello zoccolo tra l’osso del pedale e la parete dello zoccolo. Questo è strutturalmente più debole – dunque più predisposto ad un evento che causerà la laminite. L’allungamento delle lamelle si presenta sotto forma di una “linea bianca” allungata tra la suola e la parete dello zoccolo. Elevati livelli di insulina e una linea bianca allungata sono associabili alla sindrome metabolica equina (EMS), all’obesità, alla PPID/Sindrome di Cushing equina, e ai corticosteroidi.

Fattori che attivano il rischio

È risaputo che il consumo eccessivo di amido e zuccheri sovraccarica lo stomaco, causando la fermentazione dell’intestino tenue e condizioni di acidità. Una delle conseguenze è una diarrea acquosa (colite), ma non laminite in tutti i casi, anche se è chiaro che è in atto un meccanismo secondario. Gli acidi organici provenienti dal sovraccarico dell’intestino tenue aumentano il lipo-polisaccaride circolatorio del sangue (LPS), che in quantità sufficiente induce resistenza all’insulina e porta ad un’infiammazione cronica, anche nelle lamelle [5]. I fruttosani nell’erba sono spesso citati come causa scatenante della laminite, ma non è stato trovato un collegamento diretto, mentre è certo che gli zuccheri elevati nel sangue SONO un fattore scatenante (assimilabili attraverso l’erba zuccherina, ma anche con mangimi e fieno), ma questi non dovrebbero essere una minaccia se la risposta insulinica è normale, e non resistente!

A livello cellulare, sono pochi i meccanismi che danneggiano le lamelle e la membrana basale, ma questi possono essere innescati in diversi modi; li riassumiamo nella seguente tabella:

Rischi InevitabiliRischi IncidentaliRischi Evitabili
Predisposizione GeneticaOverdose accidentale di zucchero/amidoObesità
PPID/CushingsCorticosteroidiImpatto con terreno duro
InfezioneStress termicoDieta ricca di zucchero e amido
Eccessivo carico dell’arto di supportoStress cronico psicologico
Incapacità all’esercizio / aumento del battito cardiacoDeficenze nutrizionali
Sepsi / Avvelenamento del sangueMovimenti ristretti
Vita sedentaria

La prevenzione si basa su:

  • evitare livelli elevati di insulina nel sangue;
  • controllare il cortisolo/PPID;
  • curare adeguatamentedegli zoccoli.

È fondamentale quindi concentrarsi su:

  • mantenere un livello sano di grasso corporeo;
  • una dieta equilibrata, a basso contenuto di carboidrati e a base di fibre ;
  • uno stile di vita a basso stress ma aerobicamente attivo;
  • evitare il lavoro veloce su un terreno duro e fornire una pavimentazione adeguata e di sostegno quando a riposo.

Nella Seconda parte, in uscita prossimamente sul nostro blog, Sharon discuterà di ciò che i diversi trattamenti stanno cercando di ottenere, soffermandosi sui consigli potenzialmente contradditori.

Come può Haygain aiutare il tuo cavallo?

Haygain è un’azienda guidata dalla scienza e impegnata a migliorare la salute degli equini attraverso la ricerca e l’innovazione in materia di salute respiratoria e digestiva. Numerosi studi scientifici hanno dimostrato che la purificazione ad alta temperatura di Haygain elimina il 99% di polvere, muffe, batteri e funghi nel fieno.  La purificazione a vapore del fieno mantiene inoltre il suo valore nutrizionale, e ne migliora l’appetibilità. I purificatori di fieno Haygain aiutano a gestire i cavalli laminitici, soggetti a coliche e in recupero post-operatorio, prevenendo gravi condizioni respiratorie come IAD e RAO.

Sviluppato dai cavalieri per i cavalieri, comprendiamo l’importanza di un foraggio pulito e di un ambiente stabile e sano per mantenere il benessere generale del cavallo. I nostri purificatori di fieno sono raccomandati da molti dei principali cavalieri, allenatori e veterinari equini del mondo.

  • Benessere respiratorio
    haygain 2000 purificatore fieno shop harrison horse care

    Haygain

    Haygain 2000

    Purificatori Scuderia e Paddock

    Il prezzo originale era: €3.162,50.Il prezzo attuale è: €2.875,00.
  • Benessere respiratorio
    haygain 600 shop harrison horse care

    Haygain

    Haygain 600

    Purificatori Scuderia e Paddock

    Il prezzo originale era: €2.084,50.Il prezzo attuale è: €1.895,00.
  • Benessere respiratorio
    haygain one harrison horse care cover

    Haygain

    Haygain One

    Purificatori Scuderia e Paddock

    Il prezzo originale era: €1.100,00.Il prezzo attuale è: €995,00.

Referenze

[1] DYHRE‐POULSEN, P., Smedegaard, H. H., Roed, J., & Korsgaard, E. (1994). Equine hoof function investigated by pressure transducers inside the hoof and accelerometers mounted on the first phalanx. Equine veterinary journal, 26(5), 362-366.

[2] Pollitt, C. C. (1992). Clinical anatomy and physiology of the normal equine foot. Equine Veterinary Education, 4(5), 219-224.

[3] Katz, L. M., & Bailey, S. R. (2012). A review of recent advances and current hypotheses on the pathogenesis of acute laminitis. Equine veterinary journal, 44(6), 752-761.

[4] Gauff, F., Patan‐Zugaj, B., & Licka, T. F. (2013). Hyperinsulinaemia increases vascular resistance and endothelin‐1 expression in the equine digit. Equine veterinary journal, 45(5), 613-618.

[5] Wearn, J. G., Suagee, J. K., Crisman, M. V., Corl, B. A., Hulver, M. W., Hodgson, D. R., … & McCutcheon, L. J. (2012). Effects of the insulin sensitizing drug, pioglitazone, and lipopolysaccharide administration on markers of systemic inflammation and clinical parameters in horses. Veterinary immunology and immunopathology, 145(1-2), 42-49.

[6] Medina‐Torres, C. E., Underwood, C., Pollitt, C. C., Castro‐Olivera, E. M., Hodson, M. P., Richardson, D. W., & Eps, A. W. (2016). The effect of weightbearing and limb load cycling on equine lamellar perfusion and energy metabolism measured using tissue microdialysis. Equine veterinary journal, 48(1), 114-119.

Zoccoli del cavallo: tutto quello che devi sapere su prevenzione, cura e salute

zoccoli del cavallo cover harrison horse care

Lo zoccolo svolge un ruolo fondamentale nel movimento e nella salute generale del cavallo. In questo articolo scopriremo l’importanza della corretta gestione degli zoccoli, quali sono i problemi più comuni che possono interessarli e i consigli per mantenerli in ottime condizioni, prevenendo e preservando il benessere generale dei cavalli. 

Scopri insieme a noi come garantire la salute degli zoccoli del tuo cavallo.

Problemi più comuni negli zoccoli

Gli zoccoli del cavallo svolgono un ruolo molto importante negli equini; infatti hanno una funzione fondamentale nel sostenere tutto il peso permettendo loro di scaricare l’energia andando a contatto con il terreno. Hanno anche la funzione di proteggere tutta la delicata ed elaborata struttura interna del piede.

zoccoli del cavallo harrison horse care cover

I problemi più comuni che possono colpire lo zoccolo del cavallo sono:

⁃ Laminite

⁃ Infezioni Fungine

⁃ Navicolite

⁃ Lesioni da sovraccarico

La parete dello zoccolo è la parte esterna e dura, composta principalmente da cheratina. Essa circonda e protegge le strutture interne dello zoccolo. La parete si estende dalla corona, situata all’attaccatura del pelo sul margine superiore dello zoccolo, fino alla suola, che è la superficie inferiore dello zoccolo.

All’interno della parete si trova una struttura chiamata lamina, che collega la parete ossea del piede alla parete dello zoccolo. La lamina è composta da strati di tessuto connettivo altamente vascolarizzato, noti come foglietti lamellari, che si intersecano con la parete ossea per aumentare la superficie di contatto e migliorare la stabilità.

La falange distale, nota anche come osso dell’unghia, che corrisponde alla terza falange, è l’osso principale all’interno dello zoccolo. Questa struttura ossea è collegata alla parete e alla lamina tramite legamenti e tessuti molli. La falange distale è essenziale per la distribuzione del peso e l’assorbimento degli urti durante il movimento.

La suola è la superficie inferiore dello zoccolo e agisce come una barriera protettiva tra le strutture interne dello zoccolo e il terreno. Essa è composta da una sottile lamina di tessuto connettivo, rivestita da uno strato di cheratina. La suola svolge un ruolo importante nell’equilibrio e nell’ammortizzazione degli urti.

Infine, lo zoccolo è supportato da una struttura chiamata sella digitale. La sella digitale si trova nella parte posteriore dello zoccolo, sopra la corona, ed è costituita da tessuto connettivo e adiposo. Questa struttura fornisce un supporto aggiuntivo allo zoccolo e favorisce una corretta circolazione sanguigna nella zona.

Tutte queste strutture, connesse e complementari, lavorano insieme per fornire sostegno, ammortizzazione e stabilità durante il movimento del cavallo. La comprensione di questa anatomia è fondamentale per la diagnosi e il trattamento delle patologie dello zoccolo e per garantire una buona cura degli zoccoli per il benessere del cavallo.

Anatomia dello zoccolo del cavallo

Per comprendere meglio come prendersi cura dello zoccolo del cavallo è essenziale conoscerne l’anatomia. Capire come le varie componenti lavorano in sinergia aiuterà a capire l’importanza di una buona cura e prevenzione.

Le diverse parti dello zoccolo sono:

⁃ Parete

⁃ Suola

⁃ Lamina

⁃ Falange Distale o Terza Falange

Lo zoccolo del cavallo è una struttura complessa e fondamentale per il movimento e la salute dell’animale. È costituito da diverse parti anatomiche interconnesse che lavorano insieme per fornire supporto, ammortizzazione e stabilità.

anatomia zoccolo cavallo harrison horse care

I sintomi possono essere tanti e piuttosto diversi tra loro; la cosa più importante è tenere sotto controllo il cavallo e mantenere una regolare routine di visite con il maniscalco o pareggiatore di fiducia: la tempestività nella diagnosi e nella cura può fare la differenza per la salute del cavallo anche se il primo passo per salvaguardarla è fare prevenzione.

Prevenzione e cura quotidiana dello zoccolo

La pulizia regolare dello zoccolo è fondamentale per prevenire infezioni e patologie. La pulizia e la raschiatura dello zoccolo sono gli aspetti più importanti da ripetere quotidianamente. Lo strumento più adatto è il cosiddetto “nettapiedi” che permette di rimuovere qualsiasi tipo di residuo sotto gli zoccoli del cavallo dopo qualsiasi tipo di attività. Lasciare troppo a lungo che qualsiasi tipo di corpo estraneo o altro rimanga sotto gli zoccoli potrebbe causare pericolose infezioni.

Anche pulirli con una spazzola lungo la superficie esterna è importante per permettere di avere una visione chiara e completa del loro aspetto complessivo, facilitando anche la diagnosi e l’individuazione degli eventuali problemi.

prevenzione e cura zoccoli cavallo harrison horse care

L’importanza di una pavimentazione ortopedica

Altro aspetto fondamentale è la scelta della pavimentazione dove il cavallo passa la maggior parte della sua vita diurna e notturna a riposo. La nostra pavimentazione ortopedica per cavalli Comfortstall, oltre a offrire numerosi benefici sotto l’aspetto ortopedico e di recupero dalle attività, svolge una funzione attiva per migliorare la salute degli zoccoli del cavallo.

ComfortStall® è il sistema di pavimentazione ortopedica a tenuta stagna caratterizzato dall’equilibrio ideale tra morbidezza e sostegno delle articolazioni, grazie all’imbottitura Precision Foam™ rivestita con IronClad™ TopCover.

Quando a contatto con ComfortStall®, gli zoccoli sprofondano abbastanza in basso da massaggiare i fettoni ad ogni passo, favorendo la circolazione necessaria alla risalita del sangue sulle gambe, rendendo i bendaggi un ricordo del passato.

I proprietari di cavalli e i responsabili dei maneggi riferiscono che le piaghe da garretto scompaiono, e i cavalli vengono visti dormire per ore sdraiati sul pavimento ComfortStall®, arrivando persino alla fase REM.

Quando si sdraiano, i cavalli hanno un sostegno reclinato per tutto il corpo, e quando si alzano non si agitano e non scivolano, perché i loro zoccoli affondano nel pavimento quel tanto che basta per dare la stabilità necessaria a sollevarsi con facilità, un grande vantaggio per le articolazioni artritiche dei più anziani.

salute zoccoli comfortstall

Controlli periodici e cure del maniscalco o pareggiatore

Collaborare con un buon maniscalco o pareggiatore è fondamentale per mantenere gli zoccoli in condizioni ottimali. L’importanza di mantenere una routine di visite regolari è grande. Ripetiamo un aspetto molto importante: la tempestività nella diagnosi e nella cura può fare la differenza per la salute del cavallo anche se il primo passo per salvaguardarla è fare prevenzione. Spesso, nei casi più gravi, ad esempio, di laminite, si può salvare la vita del cavallo.

Alimentazione e integrazione per la salute dello zoccolo 

Una dieta equilibrata è essenziale per la salute globale del cavallo, compreso lo zoccolo.

Nello specifico, alcuni elementi nutritivi svolgono un ruolo chiave nella salute degli zoccoli promuovendo la crescita e la resistenza dello stesso:

Per evitare patologie gravi come la laminite è necessario far seguire al proprio cavallo una dieta equilibrata, ricca di fibre e povera di cereali.

Lo zoccolo del cavallo è un aspetto cruciale da tenere in considerazione per garantire il benessere e le performance. Una corretta cura dello zoccolo attraverso la pulizia quotidiana, la prevenzione, la collaborazione con un maniscalco o un pareggiatore esperto e una dieta bilanciata sono tutti aspetti fondamentali.  

Ricorda sempre di monitorare attentamente lo zoccolo del tuo cavallo per individuare eventuali segni di problemi e agire prontamente per evitare complicazioni. Investendo tempo ed energie nella cura dello zoccolo, offrirai al tuo cavallo una vita più sana e felice.

Per ulteriori consigli e suggerimenti per la corretta gestione del tuo cavallo, scopri il nostro blog.

Se vuoi chiederci un consiglio o se hai bisogno di informazioni contattaci: il nostro team di esperti sarà felice di aiutarti.

Hai bisogno di assistenza?

Contattaci e richiedi una consulenza
gratuita ai nostri esperti.

Elettroliti per cavalli: che ruolo hanno nell’equilibrio dell’organismo?

elettroliti per cavalli ruolo nell'equilibrio dell'organismo cover harrison horse care blog

I cavalli sono animali straordinariamente atletici e richiedono cure e attenzioni speciali per salvaguardare la loro salute e mantenere le prestazioni al massimo livello.

Tra gli aspetti più importanti da considerare c’è l’equilibrio degli elettroliti nel loro organismo. Gli elettroliti sono sostanze essenziali che svolgono un ruolo vitale nel mantenimento dell’idratazione, dell’equilibrio chimico e del corretto funzionamento del sistema nervoso e muscolare dei cavalli. Da qui il loro benessere fisico e mentale e i miglioramenti che ne derivano dal punto di vista motorio.

In questo articolo, esploreremo l’importanza degli elettroliti per i cavalli e il loro contributo per l’equilibrio dell’organismo.

elettroliti per cavalli ruolo nell'equilibrio dell'organismo cover harrison horse care blog

Il ruolo degli elettroliti nei cavalli

Gli elettroliti, quali sodio, potassio, cloro, magnesio e calcio, sono minerali essenziali che svolgono un ruolo chiave nel regolare l’equilibrio idrico, la contrazione muscolare, la trasmissione degli impulsi nervosi, la digestione e altre funzioni neurologiche vitali nel cavallo.

Durante l’esercizio intenso i cavalli producono sudore per raffreddare il loro corpo e dissipare così il calore interno; con il sudore perde acqua e, con essa, anche importanti quantità di elettroliti.

Le persone che passano molto tempo a contatto con i cavalli sono consapevoli di quanto questo aspetto sia importante per la loro salute e quanto sia necessario reintegrare acqua e sostanze perse.

La mancanza di elettroliti può portare a problemi come disidratazioneaffaticamento muscolare, crampi e contrazioni, rallentamento delle prestazioni e ridotte capacità di recupero.

Tendenzialmente, i cavalli non perdono elettroliti solo attraverso la sudorazione ma anche tramite l’espulsione delle urine e delle feci, per poi reintegrarli con la normale alimentazione.

La sudorazione del cavallo che svolge attività fisiche piuttosto intense, tuttavia, incide tantissimo sulla sua condizione; basti pensare che, sudando, un cavallo può perdere addirittura 10 kg di peso corporeo in liquidi in qualche minuto di attività.

L’organismo del cavallo, come ben sappiamo, è composto per gran parte di acqua. Per la sua salute, in periodi di clima mite, un equino beve tra i 25 e i 30 litri d’acqua al giorno che variano a seconda del suo peso, della sua razza e della sua attività.

Questo dovrebbe farci capire quanto incida l’idratazione sulla corretta funzione del suo organismo e sul suo benessere generale.

I segni di squilibrio degli elettroliti nei cavalli

Per non sbagliare nella valutazione è sempre consigliabile monitorare periodicamente il livello di idratazione del cavallo attraverso esami del sangue presso il proprio veterinario di fiducia.

Chiaramente non è possibile svolgere determinate verifiche con troppa frequenza e, per questo, interessante e funzionale è imparare a riconoscere alcuni segni visibili di disidratazione per intervenire prontamente in caso di squilibri di elettroliti o mancanza d’acqua.

Ogni cavallo ha un fabbisogno diverso a seconda della sua età, della sua condizione, delle sue abitudini e della sua attività. Sicuramente sarà più probabile che un cavallo che svolge attività fisica piuttosto intensa abbia più bisogno di integrare elettroliti rispetto ad un cavallo che svolge attività più leggera.

elettroliti cavallo idratazione recupero harrison horse care

Alcuni segni di carenza di elettroliti sono comunque comuni e possono essere letargiaperdita di appetitosete eccessiva, ridotta capacità di concentrazione, crampi muscolari, scompensi elettrici nel sistema nervoso, irregolarità cardiache, pelo e manto secco e opaco.

Spesso si presenta anche un calo delle prestazioni dovuto al recupero rallentato e ai dolori muscolari conseguenti ad un sovraccarico di acido lattico.

Tutti questi segni possono rivelarci problemi di idratazione e carenza di elettroliti.

Se noti uno o più di questi sintomi nel tuo cavallo potrebbe essere necessaria un’adeguata integrazione di elettroliti, componente fondamentale che può aiutare il cavallo a non disperdere liquidi troppo facilmente e in quantità eccessiva.

L’importanza del recupero ottimale

Un recupero efficace dopo l’attività fisica è essenziale per il benessere e per le performance dei cavalli.

L’apporto adeguato di elettroliti durante il periodo di recupero aiuta a ripristinare l’equilibrio all’interno dell’organismo del cavallo, favorisce la reidratazione e contribuisce alla corretta funzione muscolare.

Inoltre, un recupero ottimale riduce il rischio di lesioni e infortuni a carico del sistema muscolo-scheletrico, favorisce la crescita muscolare e mantiene la resistenza e la vitalità del cavallo.

Restore® SR: L’integratore per cavalli a base di elettroliti

Per intervenire in caso di disidratazione o di mancanza di elettroliti o per prevenire problematiche legate a questo ambito importante dell’alimentazione equina esistono integratori specifici che possono mantenere l’equilibrio elettrolitico.

Restore® SR è un prodotto di alta qualità che si differenzia dagli altri per la sua azione brevettata a livello di assimilazione.

Sviluppato dalla Kentucky Equine Research, centro di ricerca equina all’avanguardia in campo internazionale, Restore® SR è un integratore di elettroliti a rilascio lento e omogeneo.

La differenza sta nel non somministrare immediatamente le quote di sostanze previste perchè questo non permette all’organismo di assimilarle correttamente.

Restore® SR è progettato per fare in modo che i cavalli possano mantenere le loro riserve di elettroliti costanti e continue nel tempo. Infatti la più recente tecnologia nella terapia elettrolitica è utilizzata su questo prodotto; l’innovazione è un meccanismo che consente il rilascio lento graduale del sodio e degli altri componenti direttamente nel tratto gastrointestinale per un assorbimento prolungato.

La somministrazione di una dose concentrata di elettroliti provoca un aumento immediato dei livelli nel sangue ma una dose concentrata stimola anche una maggiore secrezione di elettroliti, eliminando gli elettroliti appena somministrati e privando il cavallo dell’integrazione necessaria. Quando invece il sodio e gli altri componenti vengono erogati lentamente essi vengono completamente assorbiti e utilizzati. 

  • Benessere muscolo-scheletrico
    restore sr ker harrison horse care cover

    Kentucky Equine Research

    Restore® SR

    Alimentazione Integratori

    85,50

Chiedi un consiglio ad un esperto nutrizionista; saprà consigliarti le dosi e i metodi di somministrazione più adatti ad ogni singolo caso.

Hai bisogno di assistenza?

Contattaci e richiedi una consulenza
gratuita ai nostri esperti.

Stagione delle nascite dei puledri: la corretta alimentazione in tutte le fasi

stagione delle nascite dei puledri alimentazione cover harrison horse care blog

Siamo nel vivo della stagione delle nascite dei puledri. Un periodo stupendo per gli amanti dei cavalli che ci regala la gioia di accogliere nuove vite nelle nostre scuderie.

Harrison Horse Care ha sempre scelto di mettere al primo posto il benessere dei cavalli.

Proprio per questo è sempre vivo il desiderio di fornire consigli alimentari dedicati agli allevatori e ai proprietari di fattrici, stalloni e puledri così da favorire la qualità della loro vita e il loro benessere.

Nello specifico, la linea allevamento di Saracen Horse Feeds è formulata per:

  •  Sostenere i puledri durante la crescita e lo sviluppo
  •  Fornire un’alimentazione adeguata alle fattrici in gravidanza e in allattamento
  •  Garantire una nutrizione ottimale agli stalloni da riproduzione.

I mangimi Saracen Horse Feeds presentano una formulazione in grado di garantire un apporto nutrizionale completo e bilanciato, ricco di vitamine e minerali fondamentali per la salute di tutti i cavalli.

stagione delle nascite dei puledri alimentazione cover harrison horse care blog

L’alimentazione delle fattrici

Le fattrici svolgono, ovviamente, un ruolo centrale durante la stagione delle nascite. La loro alimentazione è fondamentale per fornire il giusto apporto in tutte le varie fasi, dal concepimento allo svezzamento del puledro.

Il programma di alimentazione di una fattrice dovrebbe essere suddiviso in tre fasi separate:

  •  Fase iniziale della gravidanza – dal concepimento fino ai sette mesi di gravidanza
  •  Fase finale della gravidanza – ultimo quadrimestre di gravidanza, dai sette mesi fino al parto
  •  Allattamento – generalmente cinque o sei mesi da dopo il parto

Gli errori più comuni commessi nell’alimentazione delle fattrici sono:

  •  Un’alimentazione eccessivamente abbondante nella fase iniziale della gravidanza
  •  Un’alimentazione troppo povera durante il periodo dell’allattamento

Mare Care Mix è un mangime specificatamente formulato per le fattrici durante la fase finale della gravidanza e l’allattamento. Contiene livelli elevati di vitamina E che possono favorire più aspetti nella vita della fattrice, aumentando le possibilità di una gestazione di successo. Questo mangime contiene acidi grassi che possono essere trasmessi dalla madre al puledro attraverso il latte, per un latte e un colostro più ricco.

  • Benessere generale
    mare care mix saracen shop harrison horse care

    Saracen Horse Feeds

    Mare Care Mix

    Alimentazione Linea Allevamento Mangimi

    28,50
  • Benessere muscolo-scheletrico
    level grow cubes shop harrison horse care

    Saracen Horse Feeds

    Level Grow Cubes

    Alimentazione Linea Allevamento Mangimi

    25,50
  • Benessere muscolo-scheletrico
    level grow mix winter harrison horse care cover

    Saracen Horse Feeds

    Level Grow Mix

    Alimentazione Linea Allevamento Mangimi

    26,50

L’alimentazione del giovane puledro

Le ricerche degli esperti hanno evidenziato una stretta relazione tra la natura glicemica dell’alimentazione e l’incidenza di disturbi scheletrici, come l’osteocondrite dissecante (DOC) nei cavalli giovani.

Gli alimenti ad alto contenuto glicemico sono quelli che producono un’elevata risposta glicemica dopo l’alimentazione, come i cereali e la melassa, che avviene nei casi di consumo di una dieta ricca di amidi e zuccheri.

Sembra che i normali processi di formazione ossea nei puledri vengano compromessi in caso di elevate concentrazioni di insulina nel sangue (iperinsulinemia) dovute ad una dieta troppo ricca di amidi e zuccheri.

Tra i mangimi presenti nella nostra Linea Allevamento Level Grow Cubes e Level Grow Mix sono indicati per non sbagliare in un momento così delicato della vita di un cavallo: sono mangimi a basso indice glicemico ideali per supportare la crescita, ricchi di vitamine e minerali. Entrambi disponibili nelle versioni “Winter” e “Summer”.

corretta alimentazione fattrici stalloni puledri harrison horse care

L’alimentazione dello stallone

Alimentare correttamente gli stalloni da riproduzione con l’intento di mantenere una condizione fisica ottimale si rivela spesso difficile nell’organizzazione di una scuderia. Sono molti i fattori da tenere in considerazione; alcuni soggetti risultano indeboliti al culmine della stagione riproduttiva mentre altri prendono troppo peso.

Per mantenere il giusto equilibrio la scelta migliore è quella di fornire una dieta correttamente bilanciata, accompagnata ad un piano di attività appropriato, monitorando continuamente il peso dello stallone.

Solo in questo modo uno stallone può mantenersi in buona forma durante tutto l’arco dell’anno e pronto alla stagione di monta con una condizione ottimale.

Come gestire lo stallone sovrappeso

L’obesità porta con se un insieme di minacce per lo stallone. Può predisporre il soggetto alla laminite, all’insulino-resistenza e a molti altri problemi di salute.

L’eccesso di peso corporeo, in diverse situazioni, può anche causare problemi cardiaci e, nello specifico, alla rottura dell’aorta.

Alcuni studi hanno anche dimostrato che che gli stalloni in condizione di obesità hanno una libido ridotta con conseguente influenza negativa sulla sua efficienza riproduttiva e sulla sua fertilità.

Quando il peso corporeo è un problema, gli stalloni dovrebbero avere un accesso controllato e limitato al pascolo, soprattutto in primavera. Dovrebbero nutrirsi dello stretto necessario per garantire il fabbisogno di vitamine e minerali.

Un bilanciatore dedicato ai soggetti da allevamento come STAMM 30 può essere utilizzato anche per gli stalloni per fornire una fonte compressa e consistente di nutrienti di alta qualità, con un basso contenuto calorico. Le sue specifiche nutrizionali dal potenziale molto elevato consentono spesso di ridurre le quantità di concentrato da somministrare, garantendo al tempo stesso che i livelli di micronutrienti necessari non vengano compromessi.

  • Benessere generale
    stamm 30 harrison horse care cover

    Saracen Horse Feeds

    Stamm 30

    Alimentazione Bilanciatori

    35,50

Per qualsiasi informazione e per richiedere un consiglio nutrizionale specifico ai nostri esperti… Contattaci!

Hai bisogno di assistenza?

Contattaci e richiedi una consulenza
gratuita ai nostri esperti.

Il Veterinario risponde: Perché il mio Cavallo tossisce?

veterinario risponde perchè il cavallo tossisce harrison horse care blog

Tutti noi amanti dei Cavalli, prima o poi, ci chiediamo quale sia la causa della loro tosse e se dobbiamo preoccuparcene. È ora di fare chiarezza, una volta per tutte, su questo fenomeno, purtroppo, da molti sottovalutato. Perché il mio Cavallo tossisce? Come possiamo aiutarlo veramente? Lo abbiamo chiesto a Stephanie Davis, Veterinaria, amante dei Cavalli … Leggi tutto

L’alimentazione del cavallo sportivo

alimentazione cavallo sportivo cover harrison horse care blog

L’alimentazione del cavallo sportivo è spesso considerata una sfida.

Le esigenze nutrizionali di ogni cavallo variano a seconda di numerosi fattori come peso corporeo, età, condizione fisica, temperamento, ambiente e non solo.

Tuttavia, c’è qualcosa che accomuna tutti i cavalli sportivi alla ricerca di performances importanti: gli allenamenti e le attività spesso si rivelano molto intensi e stressanti e possono influire negativamente sulla salute e sulle prestazioni.

Per questo motivo l’alimentazione e la gestione dei cavalli sportivi sono due aspetti fondamentali per scongiurare la maggior parte dei problemi correlati all’allenamento, qualunque sia il livello di performance richiesto.

La gestione a 360° dell’alimentazione influisce su diversi aspetti della salute equina, come la funzione gastrointestinale, l’idratazione, lo stato elettrolitico e la condizione muscolare.

Lo scopo di questo articolo è quello di proporre una strategia efficace per assicurare la salute del cavallo insieme a ottime performance sportive, grazie alle ricerche e ai consigli della Dott.ssa Lizzie Drury, veterinaria specializzata nella nutrizione equina.

alimentazione cavallo sportivo cover harrison horse care blog

L’importanza delle fibre per i cavalli sportivi

Le fibre (fieno, fieno insilato e il pascolo) dovrebbero sempre costituire la base della dieta di qualsiasi cavallo. Spesso questo aspetto viene trascurato e la mancanza di fibre aumenta il rischio di ulcere gastriche, problemi gastro-intestinali, perdita di peso e irritabilità.

Inoltre, le fibre nell’intestino aiutano ad assimilare acqua ed elettroliti, aiutando ad evitare la disidratazione. Diverse ricerche hanno dimostrato che i cavalli che mantengono una dieta ricca di fibre assorbono molto meglio l’acqua, risultando quindi correttamente idratati.

Le dosi raccomandate di fieno – foraggio per i cavalli sportivi rappresentano almeno l’1,5% del loro peso corporeo ogni giorno per soddisfare il loro fabbisogno di fibre a stelo lungo e per ridurre al minimo i disturbi dell’apparato digestivo.

Ad esempio, un cavallo che pesa 550 kg, dovrebbe idealmente assumere 8,25 – 11 kg di fieno o almeno 11 kg di fieno insilato al giorno.

Molte aziende che distribuiscono alimenti per cavalli offrono un servizio di analisi delle componenti nutrizionali del fieno ad un costo piuttosto basso. Questo consente di programmare un’alimentazione più specifica definita in base ai valori dei nutrienti del fieno – foraggio. Un utile consiglio è anche quello di pesare il fieno – foraggio e anche eventuali avanzi per un certo periodo di tempo; questo per capire nel dettaglio quale sia l’apporto effettivo di fibre. Questo può aiutare a risolvere qualsiasi problema relativo al peggioramento della condizione fisica o gastro-intestinale.

Ulcere e problemi gastrici comuni nei cavalli sportivi

Viaggiare per partecipare a competizioni sportive può portare i cavalli a restare senza cibo per tempi piuttosto prolungati. Questo causa un accumulo di acido nello stomaco e aumenta il rischio di ulcere gastriche, che incidono negativamente sulle perfomances sportive.

Quando si viaggia per delle competizioni è importante permettere al cavallo di mangiare fieno o di avere accesso ad una rete piena di fieno per stimolare la produzione di saliva.

Anche l’erba medica è un antiacido naturale e può essere molto utile a neutralizzare l’eccesso di acido nello stomaco.

Un buon supporto può essere conferito da integratori e supplementi, se possibile 100% naturali, studiati appositamente per cavalli sportivi, più inclini a disturbi e problemi gastrici e che richiedono sollievo dalle irritazioni presenti nell’apparato gastro-intestinale.

mangimi adatti ai cavalli da performances harrison horse care

Mangimi adatti ai cavalli da performances

I mangimi e i foraggi sono fondamentali per soddisfare i fabbisogni nutrizionali dei cavalli da performances che competono in discipline specifiche.

Per l’esercizio basato sulla forza, come il salto ostacoli e/o il dressage, i mangimi sono fondamentali per fornire energia. Nella gamma Performance di Saracen il mangime Competition-Fit Mix è il mangime ideale in questi casi.

  • Benessere gastrico e intestinale
    competition fit mix saracen shop harrison horse care

    Saracen Horse Feeds

    Competition Fit Mix

    Alimentazione Linea Performance Mangimi

    24,00
  • Benessere muscolo-scheletrico
    enduro performance saracen shop harrison horse care

    Saracen Horse Feeds

    Enduro Performance

    Alimentazione Linea Performance Mangimi

    28,50

I cavalli che devono sostenere invece attività di resistenza necessitano fonti di fibre facilmente digeribili come soia, barbabietola da zucchero e olio. Senza trascurare l’equilibrio fornito dai cereali e dall’amido per garantire che le riserve di glicogeno nei muscoli rimangano costanti. Tra le linee Saracen per cavalli sportivi, è presente Enduro-Performance, utile per situazioni in cui è richiesto un apporto costante di energia.

Se c’è necessità di nutrire il cavallo senza appesantirlo con grandi contenuti di calorie favorendo la condizione corporea, puoi utilizzare un bilanciatore come Competition-Fit Balancer. Quest’ultimo è un ottimo bilanciatore in grado di fornire tutti i nutrienti essenziali senza sovraccaricare l’apparato digestivo e si può utilizzare come aggiunta ad una dieta esistente o come unico apporto al cavallo.

  • Benessere gastrico e intestinale
    competition fit balancer harrison horse care cover

    Saracen Horse Feeds

    Competition Fit Balancer

    Alimentazione Bilanciatori

    51,50

I mangimi Saracen Horse Feeds sono formulati per fornire al cavallo un’alimentazione ottimale attenendosi alle dosi consigliate dagli esperti nutrizionisti che hanno studiato e sperimentato queste linee. È fondamentale pesare il mangime per garantire un’assunzione di nutrienti corretta, bilanciata ed equilibrata, senza dare per scontato che il misurino contenga 1 kg di mangime; spesso non è così!

Tempistiche di alimentazione corrette durante periodi di competizione

Una delle questioni più dibattute è quella che riguarda i tempi di alimentazione in periodi di gare e competizioni.

Razioni di cibo abbondanti dovrebbero essere evitate per almeno tre ore prima dell’attività al fine di consentire un intenso esercizio fisico con relative variazioni dei livelli glicemici e dell’insulina ai livelli basali.

Fornire piccole quantità di foraggio o permettere al cavallo di pascolare per un tempo limitato prima dell’esercizio fisico aiuterà a moderare il peso corporeo senza avere effetti negativi sulle prestazioni. Inoltre, questo può aiutare a sostenere e mantenere una corretta digestione quando si compete.

alimentazione cavallo durante periodi competizione harrison horse care

Acqua ed Elettroliti

Prima di affrontare viaggi più o meno lunghi è importante organizzarsi in modo che i cavalli si mantengano correttamente idratati. Questo aspetto è spesso ancora più importante rispetto al cibo.

La scarsa assunzione di acqua porta il cavallo a disidratarsi rapidamente e influisce di molto sulla salute e sulle prestazioni.

E’ sempre necessario assicurarsi di avere a disposizione una quantità sufficiente di acqua da portare in viaggio.

È importante abituare il cavallo a bere molta acqua durante la sua routine giornaliera, magari aiutandosi con degli aromi per invogliarlo a bere di più.

Nel caso in cui il tuo cavallo fosse poco propenso a bere acqua durante i viaggi o nei periodi di competizione, la soluzione è sicuramente un pastone, che interviene a coprire le esigenze di cavalli che bevono poco ma anche di cavalli più idratati.

Re-Covery Mash è un pastone altamente appetibile, versatile e comodo da utilizzare in situazioni diverse. Contiene una miscela di “Super Fibre”, note per la facile digeribilità e per la fornitura di energia senza influire sul temperamento.

Questo prodotto è un’ottima fonte di elettroliti, componente fondamentale per favorire l’idratazione. Un ottimo mix di nutrienti in grado di favorire la digestione, migliorare l’assimilazione di nutrienti, idratare correttamente nelle condizioni più difficili come clima caldo, eccessiva sudorazione e attività intense.

Re-Covery Mash contiene anche lievito vivo in grado di supportare la flora intestinale e stabilizzare il pH del sistema gastro-intestinale, ed è fonte di Vitamina E per supportare un’ottimale funzione muscolare.Per essere somministrato deve essere messo a bagno prima dell’uso per 5-10 minuti, in acqua tiepida, oppure 15-20 minuti, in acqua fredda. La quantità di acqua da aggiungere dipenderà dalle condizioni del singolo cavallo e dalle sue esigenze specifiche (sempre seguendo i consigli di un esperto nutrizionista).

  • Benessere muscolo-scheletrico
    re-covery mash harrison horse care cover

    Saracen Horse Feeds

    Re-Covery Mash

    Alimentazione Pastoni

    30,00

L’importanza degli antiossidanti

I viaggi, sia lunghi che brevi, causano stress a tutti i cavalli, anche a quelli più abituati che non mostrano alcun sintomo. Dopo il viaggio gli enzimi muscolari aumentano quasi sempre e questo può provocare dolori muscolari e può innalzare i livelli di ormone dello stress. L’insieme di questi fattori può avere un effetto negativo sulla funzione immunitaria dei cavalli. Per aiutare a risolvere questo problema che colpisce i cavalli che viaggiano e competono spesso, suggeriamo di integrare ulteriori antiossidanti nell’alimentazione giornaliera.

Gli antiossidanti aiutano a mantenere una buona funzione immunitaria e supportano anche i sistemi cardiovascolare, circolatorio, muscolare e riproduttivo.

I cavalli che viaggiano regolarmente possono esaurire le loro riserve di antiossidanti in tempi piuttosto brevi durante il viaggio e il recupero dalle attività. Può essere necessario molto tempo per ristabilire questi livelli e questa condizione può provocare un calo di energia e un peggioramento della qualità delle performances.

Gli antiossidanti più importanti nell’organismo del cavallo sono la vitamina E e il selenio. Tendenzialmente, i mangimi contengono un buon livello di selenio e, per questo, non consigliamo di aggiungerne alla sua razione poiché i cavalli possono facilmente soffrire l’eccesso di quantità di selenio sviluppando livelli di tossicità.

Tuttavia, suggeriamo di aggiungere un integratore di vitamina E alla razione poiché, a differenza del selenio, non esiste un livello di tossicità noto per la Vitamina E nei cavalli e le ricerche dimostrano i grandi benefici dell’integrazione di questa componente all’interno della dieta.

  • Benessere muscolo-scheletrico
    Nano-E integratore vitamina e harrison horse care cover

    Kentucky Equine Research

    Nano-E®

    Alimentazione Integratori

    95,00

Nella gamma dei nostri integratori è disponibile Nano-E, integratore naturale a base di Vitamina E. Molti integratori disponibili sul mercato sono a base di vitamina E sintetica. L’integrazione di vitamina E naturale viene invece assorbito più facilmente dal cavallo e viene trattenuto nei tessuti più a lungo rispetto agli integratori sintetici.

Nano-E può essere utilizzato per un paio di giorni prima, il giorno del viaggio e per un paio di giorni successivi. Questo contribuirà ad aumentare i livelli di antiossidanti nel corpo, aiutando il cavallo a riprendersi dal viaggio più velocemente e contribuendo a sostenere livelli di energia ottimali senza influire sulle performances.

Hai bisogno di assistenza?

Contattaci e richiedi una consulenza
gratuita ai nostri esperti.

Coliche del cavallo: dettagli, prevenzione e i nostri consigli

coliche del cavallo cover harrison horse care blog

Le coliche del cavallo sono una problematica di salute che, purtroppo, è molto comune e nei casi più gravi può portare mettere a rischio anche la vita degli animali.

Nel nostro articolo scopriremo nel dettaglio cosa sono le coliche, quali sono le cause scatenanti e come è possibile fare prevenzione.

L’argomento è molto ampio, motivo percui cercheremo di parlarne in maniera generale fornendo qualche consiglio, ricordando sempre che l’aiuto del veterinario è molto importante per trattare ogni singolo caso.

Nonostante tutto, conoscere l’argomento sarà fondamentale per aiutare il cavallo in situazioni spiacevoli.

coliche del cavallo cover harrison horse care blog

Che cosa sono le coliche del cavallo?

Le coliche del cavallo non si possono definire come una vera e propria patologia, ma sono più correttamente definibili come un insieme di sintomi che possono causare un notevole disagio al cavallo.

La colica è un termine usato per descrivere dolore addominale acuto che nel peggiore dei casi può rivelarsi anche fatale.

Questo dettaglio non è assolutamente da trascurare, infatti la velocità di intervento del veterinario è molto importante in qualunque caso per scongiurare i rischi più elevati.

Può essere vissuta da qualsiasi cavallo, ma è più comune nei cavalli più giovani e più anziani.

I sintomi più comuni di una colica sono:

  • Riduzione dell’appetito
  • Aumento della frequenza respiratoria
  • Aumento della frequenza del battito cardiaco
  • Diminuzione della produzione di urina
  • Cambiamento anomalo nell’andatura
  • Comportamento atipico (rotolamento, sudorazione eccessiva, altri movimenti ripetuti)
  • Forte irritazione della regione addominale

Se non trattata, una colica può diventare grave e mettere a rischio la vita del vostro cavallo.

Cause delle coliche del cavallo

Le coliche del cavallo possono sopraggiungere per una grande varietà di fattori:

• Alimentazione ad alto contenuto di cereali e/o melassa

• Cambiamenti della dieta

• Disidratazione

• Stress

• Patologie dentali

• Carico di lavoro eccessivo

• Recupero eccessivamente velocizzato dalle attività

• Parassiti gastro-intestinali

• Ostruzione intestinale

• Costipazione

cause delle coliche del cavallo hhc

Come prevenire le coliche del cavallo

Generalmente, la prevenzione delle coliche è la chiave per assicurare il benessere del cavallo.

Per prevenire questo antipatico e spesso grave problema, ci sono alcuni passaggi fondamentali che si possono seguire per agire d’anticipo:

Fornire una dieta equilibrata

Assicurarsi che il cavallo abbia sempre accesso a una quantità adeguata di fieno di qualità e di cibo, ricco di fibre, possibilmente senza melassa e a basso contenuto di cereali.

Può essere utile anche dividere le razioni di cibo per non sovraccaricare l’apparato digerente.

Controllare i livelli di idratazione

Assicurarsi che il cavallo abbia sempre accesso a una grande quantità di acqua fresca e pulita.

Monitorare le temperature dell’ambientali

Quando le temperature sono elevate, assicurarsi che il cavallo abbia la possibilità di stare all’ombra e al riparo dal caldo eccesivo.

Attenzione ad eventuali cambiamenti nell’andatura e nel comportamento

Se si nota un cambiamento nell’andatura e nel comportamento del cavallo, contattare immediatamente il veterinario.

Mantenere una routine regolare

È importante che il cavallo svolga regolarmente attività fisica, senza carichi di lavoro eccessivi.

Organizzare periodicamente visite dal veterinario

Permettere al veterinario di controllare periodicamente il cavallo, scongiurerà molti dei rischi elencati come parassiti, patologie dentali, problemi gastrointestinali.

Attenzione ad alimenti contaminati da batteri, muffe e altri agenti patogeni.

Può essere importante conservare i mangimi e/o i foraggi al riparo da qualsiasi agente patogeno per evitare brutte sorprese.

La stessa cosa vale per il fieno: purificarlo e somministrarlo con una mangiatoia sono due azioni di grande effetto.

importanza alimentazione coliche cavallo hhc

L’importanza dell’alimentazione

Ci teniamo a precisare che la cosa più importante da fare in caso di insorgenza di coliche è sempre e comunque contattare il veterinario senza attendere.

Il professionista, di prassi, esegue immediatamente determinati accertamenti strumentali, come controlli dei segni vitali, esami delle feci e radiografia dell’addome.

In base ai risultati, può decidere di trattare la colica con una varietà di farmaci e trattamenti a sua discrezione.

Tuttavia, arrivare al punto di essere obbligati a somministrare costosi e spiacevolmente pesanti farmaci ai cavalli è spesso spiacevole.

Per questo motivo, la nostra esperienza nel settore nutrizionale equino ci spinge a consigliare alcuni dei nostri prodotti alimentari che possono aiutare a prevenire questa problematica garantendo un insieme di valori nutrizionali equilibrati al vostro cavallo.

Alfa Chaff

Alfa Chaff è un foraggio di Saracen 100% naturale ad alto contenuto di fibre.

Alimentare il tuo cavallo con questo foraggio aumenta i suoi tempi di masticazione, la conseguente salivazione ed è quindi molto salutare per il suo apparato digerente.

  • Benessere generale
    alfalfa chaff saracen shop harrison horse care

    Saracen Horse Feeds

    Alfalfa Chaff

    Alimentazione Foraggi

    21,00
  • Benessere muscolo-scheletrico
    re-covery mash harrison horse care cover

    Saracen Horse Feeds

    Re-Covery Mash

    Alimentazione Pastoni

    30,00

Re-covery Mash

Re-covery Mash è un pastone firmato Saracen molto ricco di fibre, che favorisce la motilità intestinale ed è ottimo anche per i palati più esigenti.

Somministrarlo più o meno settimanalmente aiuterà il cavallo ad assimilare il quantitativo di fibre necessario per il suo benessere.

Super Fibre Mix

Super Fibre Mix di Saracen è un mangime a base di fibre. Risulta molto appetitoso ed è ricco di sani nutrienti, tra cui le importanti fibre, per la salute del tuo cavallo.

  • Benessere gastrico e intestinale
    super fibre mix harrison horse care cover

    Saracen Horse Feeds

    Super Fibre Mix

    Alimentazione Linea Tempo Libero Linea Veteran Mangimi

    24,00

L’alimentazione del cavallo è una cosa seria e richiede attenzione.

Ogni cavallo ha diverse esigenze, solo esperti nutrizionisti possono fornire dosi precise e dettagliate per ogni alimento.

Hai bisogno di assistenza?

Contattaci e richiedi una consulenza
gratuita ai nostri esperti.

I denti e la masticazione del cavallo: tutto ciò che serve conoscere

denti e masticazione cavalli harrison horse care blog

I denti e la masticazione dei cavalli sono parti fondamentali del loro benessere. I cavalli sono naturali pascolatori e mangiano per 16/18 ore al giorno; è per questo che necessitano di denti forti e sani.

Il nostro team ha incontrato la Dott.ssa Michela Longhi, Veterinaria specializzata nella cura dei denti dei cavalli. Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere sui denti e sulla masticazione del cavallo grazie alle sue conoscenze dentistiche e alla sua grande esperienza.

denti e masticazione cavalli harrison horse care blog

Quanti denti hanno i cavalli?

I cavalli maschi hanno 40 denti e le femmine 36. Nello specifico, tutti hanno 6 incisivi sopra e 6 sotto, oltre a 6 per arcata (in alto a destra, in alto a sinistra, in basso a destra e in basso a sinistra). 

Di questi 6, 3 sono pre-molari e i 3 più indietro sono molari. 

I canini sono 4, li hanno i maschi e solo il 20% delle femmine che, per questo, vengono chiamate “scaglionate” (da “scaglioni”, il nome in zoologia di questi denti).

Altri denti che non sono presenti in tutti i cavalli, senza differenze di sesso ma a seconda della razza, si chiamano lupini e sono pre-molari accessori. I lupini si trovano quasi sempre nelle arcate superiori, sono rudimentali e si estraggono la prima volta che si effettua il cosiddetto pareggio perché possono dare molto fastidio alla bocca e causare altri problemi nella gestione del cavallo in attività.

Tutti i cavalli hanno i denti da latte che vengono ovviamente persi nel corso della crescita. Nel dettaglio, vengono cambiati gli incisivi (i due centrali a 2 anni e mezzo, quelli successivi a 3 anni e mezzo e i più laterali a 4 anni e mezzo) e i premolari (nascono “da latte” e vengono cambiati) mentre i molari, i lupini e i canini nascono già definitivi.

quanti denti hanno i cavalli hhc

La masticazione del cavallo

I denti del cavallo hanno la particolarità di crescere per tutta la vita. Sono presenti all’interno del cranio ed escono nel tempo. Nello specifico, la corona esterna del dente si fa spazio all’esterno e, consumandosi nel tempo, viene sostituita con la corona interna. 

I denti dei cavalli tendono sempre a consumarsi per via del contatto continuo tra arcate superiori ed inferiori, durante i movimenti masticatori e non solo. È proprio in questo modo che vengono a formarsi fisiologicamente le punte, a causa dell’inclinazione di 30° delle varie arcate.

Le punte sono formate dallo smalto e si direzionano verso la guancia (nei denti superiori) e verso la lingua (nei denti inferiori) verso la lingua. Si ricreano con regolarità e continuità e possono dare molto fastidio alla masticazione, creare ulcere, pungere e causare una serie di altri problemi da non sottovalutare. Nel momento in cui le punte arrivano a lacerare la mucosa, il disagio diventa tanto da non riuscire a masticare. Questo causa dolori e l’incapacità a masticare; capita di osservare accumuli di cibo non masticati a terra. Altri sintomi potrebbero essere salivazione esagerata e/o mista a sangue, masticazione con testa inclinata.

La bocca di un cavallo è sana se è senza punte, simmetrica e bilanciata, per evitare problemi di masticazione e altri problemi fisiologici.

Per quanto riguarda la masticazione, i cavalli necessitano una cosiddetta lateralità. Non muovono la bocca come gli esseri umani, in alto e in basso, ma anche di lato. Le alterazioni per conformazione o altre cause bloccano questa lateralità e solo il dentista può ripristinarla.

masticazione cavallo

L’importanza del dentista per i cavalli

Non tutti i veterinari possono prendersi cura dei denti del cavallo; la cosa migliore è rivolgersi ad un veterinario specializzato in cura dei denti.

Esperienza e manualità sono molto utili in questo delicato settore, così come strumentazioni e attrezzature adatte che si sono evolute nel tempo. Anni fa si utilizzava la lima del maniscalco in bocca ai cavalli; le evoluzioni degli strumenti hanno portato all’utilizzo di frese diamantate che permettono di lavorare lo smalto dei denti del cavallo (parte più dura e forte del suo scheletro).

È importante ricordare che il dente è un tessuto vivo e molto delicato, da trattare con cura. Per alcuni soggetti, a seconda del carattere, potrebbe essere più o meno facile per il veterinario specialista effettuare un intervento in bocca.

Il primo contatto con il dentista deve essere più o meno coincidente con la doma e può cambiare a seconda della razza. L’intervento dell’uomo su determinate razze ha portato a grossi scompensi sulla dentatura (evoluzione artificiale, teste piccole). Proprio per questo motivo è molto importante mantenerli sotto controllo.

Come prima cosa, in giovane età, si rimuovono i denti da latte del cavallo. Successivamente, a seconda delle attività che svolge e/o le discipline che lo impegnano, il dentista valuta come e quanto agire.

Quella con il dentista, in età adulta, dovrebbe essere una routine annuale per il cavallo. Sarà necessario pareggiare la dentatura e rimuovere le punte di smalto per evitare problemi nell’alimentazione e nell’allenamento. Spesso l’intervento del dentista è necessario per rimuovere le carie e per mantenere sotto controllo quei tipi di bocca conformate in maniera particolare.

La dentatura del cavallo e la sua alimentazione

Tempo fa era usanza dare il mais “intero” ai cavalli con la convinzione che si rompessero le punte ma l’abitudine era totalmente sbagliata e non sortiva alcun effetto. Per capire l’inutilità di questa azione basti pensare che il dentista utilizza materiali diamantati a livello industriale per lavorare la parte più dura dello scheletro del cavallo, ovvero lo smalto, cosa che un alimento come il mais non può assolutamente fare.

Un occhio di riguardo verso l’alimentazione può favorire notevolmente la salute della dentatura del cavallo. I cavalli che si alimentano in maniera più vicina alla natura, con la testa posizionata verso il basso, sono più propensi ad avere una dentatura sana e a mantenere una buona masticazione. Anche gli alimenti più naturali possono contribuire al benessere del cavallo. 

All’interno delle nostre gamme sono presenti alcuni prodotti che rispondono a queste necessità. Li abbiamo raccontati alla Dott.ssa Longhi alla fine della nostra chiacchierata. Grazie mille a lei per averci dedicato il suo tempo e per aver contribuito alla nostra formazione.

Ecco qui di seguito i prodotti di cui abbiamo parlato:

Forager, la mangiatoia slow-feeder

Forager, la mangiatoia a lento rilascio, permette al cavallo di alimentarsi in posizione naturale prevenendo problemi masticatori.

  • Benessere gastrico e intestinale
    haygain forager mangiatoia cavalli cover

    Haygain

    Haygain Forager

    Mangiatoie Scuderia e Paddock

    320,00
  • Benessere muscolo-scheletrico
    re-covery mash harrison horse care cover

    Saracen Horse Feeds

    Re-Covery Mash

    Alimentazione Pastoni

    30,00

Re-covery Mash, il pastone

Re-covery Mash, il nostro pastone, è morbido e permette ai cavalli di alimentarsi nei casi in cui ci siano dolori o momentanee patologie della bocca e/o dei denti che impediscono una sana masticazione.

Alfa Oil Chaff, il foraggio

Alfa Oil Chaff, uno dei nostri foraggi, se bagnato, risulta ancora più morbido e aiuta il cavallo ad assumere il corretto apporto di fibre durante i periodi in cui il fieno non riesce ad essere masticato.

  • Benessere respiratorio
    alfalfa oil chaff harrison horse care cover

    Saracen Horse Feeds

    Alfalfa Oil Chaff

    Alimentazione Foraggi

    24,50
  • Benessere generale
    veteran cubes cover harrison horse care

    Saracen Horse Feeds

    Veteran Cubes

    Alimentazione Linea Veteran Mangimi

    24,00
  • Benessere generale
    veteran mix cover mangime shop harrison horse care

    Saracen Horse Feeds

    Veteran Mix

    Alimentazione Linea Veteran Mangimi

    25,00

Veteran, linea di mangimi

La linea Veteran è studiata per cavalli sopra i 16 anni, e propone mangimi con una consistenza più morbida e con una maggiore masticabilità, conservando al suo interno delle proprietà nutrizionali adatte anche a cavalli in attività e/o con problemi di masticazione.

Hai bisogno di assistenza?

Contattaci e richiedi una consulenza
gratuita ai nostri esperti.

Alimentazione del cavallo: la Dott.ssa Hilary Clayton parla di Forager, la mangiatoia slow-feeder

dottoressa hilary clayton alimentazione cavallo forager harrison horse care blog

La famosa veterinaria e ricercatrice Dott.ssa Hilary Clayton ha testato e apprezzato la mangiatoia slow-feeder Forager di Haygain, sia per la posizione naturale che fa assumere ai cavalli che per la masticazione lenta.

Chi è la Dott.ssa Hilary Clayton?

La Dott.ssa Hilary Clayton è una veterinaria, ricercatrice, proprietaria di cavalli e amazzone nella disciplina del dressage. I suoi titoli accademici rappresentano una vita spesa studiando e scoprendo metodi di gestione dei cavalli legati solo al loro benessere in merito a salute, quotidianità e prestazioni sportive.

La dottoressa è un’autrice molto rispettata con la capacità di sintetizzare complicati processi biomeccanici in informazioni che i proprietari possono utilizzare nel quotidiano rapporto con il loro cavallo.

Il suo giudizio su Forager, la mangiatoia slow-feeder

La risposta della Dott.ssa Clayton dopo alcune settimane di utilizzo della mangiatoia slow-feeder Forager è stata tutt’altro che complicata:


Penso che sia un ottimo prodotto

Dott.ssa Hilary Clayton

Forager, di forma cilindrica e alto 71 cm, ha una griglia di regolazione che si trova sopra i quasi 12 Kg di fieno che può contenere. Il cavallo mangia a piccoli bocconi il fieno attraverso la griglia, prolungando la durata dei pasti per avvicinarsi al ritmo del pascolo per il quale è progettato l’apparato digerente equino. Ciò si traduce in una masticazione più lunga, che a sua volta favorisce una maggiore produzione di saliva che aiuta a proteggere il rivestimento dello stomaco dagli acidi naturali che possono causare ulcere.

Forager consente inoltre al cavallo di mangiare con la testa in posizione naturale e abbassata come farebbe in natura.

Scopri Forager
haygain forager slowfeeder
  • Benessere gastrico e intestinale
    haygain forager mangiatoia cavalli cover

    Haygain

    Haygain Forager

    Mangiatoie Scuderia e Paddock

    320,00

La sicurezza della mangiatoia

forager dettaglio harrison horse care

L’affidabilità del prodotto per un uso stabile e sicuro è stata la prima preoccupazione della Dott.ssa Clayton insieme alla naturale alimentazione del cavallo.


Mi piace che sia robusto e realizzato con materiali sicuri per i cavalli

Dott.ssa Hilary Clayton

Nel test effettuato con il suo cavallo, ha iniziato con la griglia “Standard” invece di quella considerata “Facile” dalla quale è leggermente più semplice per i cavalli estrarre il foraggio. Parlando del suo fedele compagno lusitano, Donzi, la Dott.ssa Clayton spiega: “Il mio cavallo è già abituato a prendere il fieno da reti per l’alimentazione lenta. Non ha avuto problemi a imparare ad abituarsi a Forager”.

Ha osservato che Forager sembra rallentare in maniera importante il ritmo di alimentazione del suo cavallo, senza poter quantificare di quanto perché utilizzato durante la notte. In inverno, dopo il trasferimento dal Michigan alla Florida, dove Donzi non avrà molto accesso al pascolo, utilizzerà Forager durante la giornata. La Dott.ssa Clayton è sicura che aiuterà a distribuire i pasti per mantenere il suo peso sotto controllo.

Il Forager può essere fissato alle pareti della scuderia oppure può essere reso più stabile versando della sabbia nella sua base. La dottoressa Clayton era sicura che il suo cavallo avrebbe cercato di ticchiare sul bordo del Forager, quindi non ha messo sabbia nell’unità per renderla meno stabile ed evitare il suo vizio.


Dopo averlo trascinato al centro della stalla le prime due notti, ha rinunciato a provarci

Dott.ssa Hilary Clayton

Il segreto della posizione naturale del cavallo durante i pasti

Consentire ai cavalli di mangiare con una posizione della testa abbassata è un vantaggio molto importante di Forager.


Sicuramente incoraggia una buona posizione della testa e del collo

Dott.ssa Hilary Clayton

Uno studio sull’alimentazione del cavallo pubblicato nel Marzo di quest’anno ha mostrato le variazioni nella forma del collo e della schiena per i cavalli che mangiano dal pavimento e dalle reti per il fieno.

Mangiare dal suolo è la posizione più comune e ha il minor impatto sulla rigidità del collo e della schiena del cavallo. Lo studio ha riconosciuto che le reti da fieno possono rallentare l’alimentazione, ma con potenziali effetti negativi sulla postura della schiena e del collo che possono, a loro volta, influire negativamente sul benessere del cavallo. Poiché la testa e il collo del cavallo costituiscono il 10% del peso corporeo del cavallo e si trovano a breve distanza dal suo centro di gravità, la forma e la postura del collo e della schiena sono fondamentali per il loro benessere.

La ricerca dell’Università di Torino

Per l’addestramento al dressage è importante insegnare al cavallo a lavorare con una linea dorsale arrotondata. Alcuni dei test includono un “cerchio elastico” in cui il cavallo è incoraggiato ad abbassare il collo e il naso, allungando i muscoli della schiena e mantenendo una linea dorsale elastica. Il buon senso suggerisce che più tempo trascorso in quella posizione allungata fa bene al cavallo, mentre il tempo trascorso con la testa in una posizione innaturale e rialzata può avere l’effetto opposto. Lo studio ha evidenziato che le condizioni ambientali, gestionali e di allenamento influenzano la postura di un cavallo anche più dell’età.

La ricerca a cui ha partecipato anche la Dott.ssa Emanuela Valle, condotta presso il Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Torino, si intitola “Studio delle variazioni di forma della schiena, del collo e dell’angolo mandibolare dei cavalli a seconda delle posizioni di alimentazione specifiche utilizzando la morfometria geometrica”.

Lo studio ha anche scoperto che l’angolo mandibolare del cavallo (mascella inferiore) era più ampio e naturale quando questo mangia da terra.

Igiene e altri vantaggi della mangiatoia Forager

haygain forager slowfeeder

Contenendo il fieno, Forager previene gli sprechi e la contaminazione quando il foraggio viene mescolato a lettiera, letame e urina. Per ragioni simili, la Dott.ssa Clayton ritiene che Forager potrebbe anche aiutare a prevenire l’ingestione di sabbia dei cavalli quando vivono in paddock.


Mi piace che sia robusto e realizzato con materiali sicuri per i cavalli

Dott.ssa Hilary Clayton

La griglia del regolatore è tenuta in posizione da un cursore metallico esterno che impedisce ai cavalli di ribaltare il regolatore.

Forager è la migliore soluzione per un’alimentazione del cavallo lenta e sicura. Il feedback della Dott.ssa Clayton sulla mangiatoia dopo averla testata è semplice ma deciso:


Amo usare Forager!

Dott.ssa Hilary Clayton

Haygain è un’azienda di fama mondiale che si dedica alla salute dei cavalli. Oltre alla mangiatoia slow-feeder Forager, Haygain produce purificatori di fieno ad alta temperatura e pavimenti ortopedici ComfortStall.

Per ulteriori informazioni sui prodotti Haygain, visita il nostro sito.

Scopri il mondo di Harrison Horse Care

Fattrice e puledro: la corretta alimentazione durante gestazione e allattamento

la dieta della fattrice harrison horse care blog

Primavera, tempo di nascite
Chiediamo agli esperti come sostenere la fattrice e il puledro con un’alimentazione sana ed equilibrata

la dieta della fattrice harrison horse care blog

La nutrizione che riceve la fattrice ha una evidente influenza sulla crescita e lo sviluppo del puledro, sia durante il periodo di gestazione, sia dopo la nascita, attraverso l’allattamento.

PREMESSE

Questo fa sì che è molto comune vedere fattrici che perdono peso durante l’allattamento, poiché vanno ad utilizzare le loro riserve corporee per far fronte ai fabbisogni dell’allattamento.

La fattrice arriverà al punto però di non essere in grado di mantenere una produzione di latte qualitativamente e quantitativamente adeguata utilizzando solo le proprie scorte.

Per affrontare questo delicato periodo avrà quindi bisogno di un apporto nutrizionale adeguato.

A ciò si aggiunga il fatto che la specie equina è una di quelle con interparto più breve, per cui garantire un’adeguata alimentazione ci consentirà di avere un nuovo puledro senza ritardi l’anno successivo.

la dieta fattrice e puledro harrison horse care

Spesso di fronte ad una fattrice che perde peso la soluzione che viene attuata è quella di svezzare il puledro molto presto: questo comporta danni al puledro sia nel breve che nel lungo periodo.

Un adeguato periodo di allattamento è importante sia dal punto di vista nutrizionale ma anche sociale e relazionale.

ALIMENTAZIONE CORRETTA

I fabbisogni nutrizionali ed energetici di una fattrice gravida aumentano man man che la gravidanza avanza e con essa le dimensioni del puledro.

Generalmente i fabbisogni proteici aumentano in maniera significativa però solo nell’ultimo trimestre di gravidanza nel quale si ha lo sviluppo del 75% del puledro.

Tuttavia ricordiamo che è la lattazione il momento più esigente in termini nutrizionali nella vita di una fattrice (considerate che i suoi fabbisogni sono addirittura il doppio di un cavallo in mantenimento e superano quelli di uno che compete ad alti livelli).

Sono maggiori i fabbisogni energetici di proteine, calcio, fosforo, magnesio, rame, selenio e vitamina A.

COME ALIMENTARE UNA FATTRICE IN LATTAZIONE

  • utilizzare un mangime specificatamente formulato per fattrici che abbia un alto livello energetico, proteico e che contenga proteine di qualità
  • aumentare il quantitativo di alimento in maniera progressiva a partire dal momento del parto
  • per aumentare la produzione di latte è utile somministrare 2-3 kg di fieno di medica al foraggio normalmente consumato
  • al fine di aumentare l’apporto idrico necessario per la produzione di latte, somministrare 500 gr di pastone reidratante al giorno
  • a partire dai 2 mesi e mezzo possiamo abituare il puledro a consumare un mangime apposito: in questo modo diminuisce la sua richiesta nutritiva verso la madre e al momento dello svezzamento sarà già abituato alla sua assunzione.

I nostri mangimi sono 100% naturali

La selezione di mangimi Harrison Horse Care predilige prodotti naturali, ricchi di fibra, poveri di amidi e nutrienti adatti ad ogni tipo di cavallo.

Scopri la linea Allevamento dei mangimi di Harrison Horse Care

Hai bisogno di assistenza?

Contattaci e ti aiuteremo a trovare il prodotto
più adatto alle tue esigenze.

Scrivi Scrivi Chiama

Dicono di noi

 

Pagamenti sicuri

Pay Pal, Carta di Credito o Bonifico Bancario

Assistenza personalizzata

Possiamo aiutarti a trovare una risposta o metterti in contatto con il nostro team tecnico.

Prodotti di qualità

I prodotti delle nostre gamme sono frutto della nostra personale esperienza e selezione.

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e non perderti gli sconti esclusivi.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.
Caselle di spunta

Contattaci e ricevi assistenza per i tuoi acquisti

I nostri esperti ti assisteranno nella scelta e nell’acquisto dei prodotti
più adatti alle tue esigenze.